Of Monsters and Men in Italia

luglio 24, 2015 / by / 0 Comment

© Meredith Truax

Dopo il loro trionfale disco d’esordio del 2011, My Head Is An Animal,e la hit  Little Talks, che ha scalato le più importanti “single chart” europee e americane,
gli OF MONSTERS AND MEN, sono ritornati a Giugno con un nuovo album in studio, Beneath The Skin, anticipato dalla bellissimaCrystals.
Grazie ad un mix coinvolgente di indie, folk e alternative,gli Of Monsters and Men sono arrivati in cima alla classifica
Top 200 di Billboard
vendendo oltre 2 milioni di album in tutto il mondo.
Dopo le due indimenticabili performance live di questa estate a Milano e Roma, la band islandese si prepara a tornare in Italia a Novembre:


MARTEDÌ 10 NOVEMBRE 2015
FIRENZE – OBIHALL

www.obihall.it
Biglietto: 25 euro + 3.75 d.p
Prevendite disponibili da Giovedì 30 Aprile 2015, ore 10.00 su www.ticketone.it  

opening act della data italiana di Novembre degli Of Monsters and Men


Gruppo rock islandese, i Mammút nascono nel 2003 sotto il nome di ROK: un trio tutto al femminile incentrato sulle doti vocali di Kata (Katrina Kata Mogensen).
Nel 2004 la band accoglie il chitarrista Arnar Pétursson e il batterista Andri Bjartur Jakobsson, adottando il nuovo nome, Mamuút.
Nel 2004 la band si aggiudica il Músiktilraunir, la battaglia annuale islandese delle band.
La loro popolarità cresce sempre più in Islanda e diventa ben presto internazionale.
Il loro omonimo album di debutto viene pubblicato nel 2006 per l’etichetta islandese Smekkleysa fondata da The Sugarcubes.
Nel 2008 pubblicano Karkari: l’album contiene il singolo Svefnsýkt che diventa il primo grande successo della band e che fa guadagnare loro la nomina
di Best Band ai Music Awards islandesi del 2008.
Per il loro decimo anniversario, nel 2014, i Mammút pubblicano Komdu til mín svarta systir: l’album ottiene in brevissimo tempo il plauso della critica e si aggiudica otto nomination ai Music Awards islandesi del 2014, portandosi a casa ben tre riconoscimenti:
Album of the Year – Pop & Rock
, Song of the Year – Pop & Rock (per il loro singolo Salt), e Cover Album of the Year.

Commenta su Facebook

commenti